Sapevate che L’Italia ??

07/05/2019

SAPEVATE CHE.... - L'italia occupa lo 0,5% della Terra, e ci vive lo 0,83% dell'umanità. - Le condizioni bio climatiche sono uniche al mondo e ciò permette alla penisola di essere la PRIMA nazione al mondo per biodiversità: 7.000 differenti vegetali, segue il Brasile con 3.000; 58.000 specie di animali, segue la Cina con 20.000; 1.800 vitigni spontanei da uva, segue la Francia con 200; 997 tipi di mele, in tutto il mondo ne esistono 1.227; 140 tipi di grano, seguono gli USA con 6; - L'Italia possiede il 70% del patrimonio artistico e umano, il rimanente 30% è sparso in tutto il resto del PIANETA. PROBABILMENTE I DATI NON SONO CORRETTI , MA QUASI UN MILIONE DI VISITE E QUASI 15.000 CONDIVISIONI MI FA PENSARE CHE SIA UNA FORTUNA IMMENSA POTER ESSERE ITALIANO, E VIVERE IN ITALIA, SENTIAMOCI ORGOGLIOSI E FACCIAMO QUANTO DI MEGLIO SI POSSA FARE PER L'ITALIA E PER IL MONDO. GRAZIE A TUTTI

In realtà questo post é stato criticato da persone del partito Progressista e dopo su siti sospetti di Bufale è apparsa una critica a chi ne facesse un ripostaggio e ai dati qui espressi. Noi per correttezza siamo andati ad analizzare le informazione e a fare una nostra ricerca trovando una verità che non diminuisce le informazioni del post a tal punto da considerarle bufale, e che scopre invece un attacco al nostro paese di questi scellerati, fatene l'uso migliore e grazie per continuare a seguirci. 

Il testo a inizio materia, compare dopo un discorso all'Expo 2015 del Co dell'Eataly Farinetti e ancora oggi è allo stesso tempo bellissimo e polemico. 

Oggi ho visto di nuovo un post su twitter retwittato dal nostro attento Ambasciatore Bernardini, che gira dal 2015, periodo dell'Expo a Milano.

In realtà alcuni dati sono da interpretare, lo dicono anche alcuni site di bufale, siti però, molte volte solo preoccupati a trovare e provocare danni e non proprio corretti nelle loro relazioni e confronti.  Quello che per noi conta, è il patrimonio fisico e culturale che l'Italia possiede, unico e irripetibile e che dobbiamo salvaguardare da tutti, primi noi stessi (compresi i siti di presunte bufale) molte volte congelati in ideologie esageratamente progressiste, con l'intenzione di distruggere tutto ciò che i nostri antenati hanno creato.

L'Italia occupa lo 0,2% delle Terre emerse e lo 0,5% del pianeta, compresi i mari, ci vive circa lo 0,82% dell'umanità.

Le specie vegetali: nel mondo si contano circa 350.000 differenti specie vegetali; il Brasile è il primo paese con oltre 8700 specie, primo anche nella biodiversità.Ma quando si parla di piante fruttifere o di vegetali commestibili la penisola italica si piazza al primo posto con circa 7600 specie, e questo dato sicuramente ci pone al primo posto in Europa anche in biodiversità

Nel pianeta il paese principale in biodiversità come detto precedentemente è il Brasile seguono: Australia, Cina, Colombia, Ecuador, Filippine, India, Indonesia, Madagascar, Malesia, Messico, Papua Nuova Guinea, Perù, Repubblica Democratica del Congo, Stati Uniti, Sudafrica, Venezuela

La stessa cosa vale per le specie animali, in Italia oltre cinquantamila di cui quelle tipicamente italiane sono circa cinquemila, le altre sono specie introdotte nel nostro paese negli anni, ma non originarie del bel paese. L'Italia in questa classifica occupa i primi posti, ma non nelle carni bovine e suine.

  • I primi 10 paesi con le maggiori scorte di bestiame sono: India , Brasile, Cina, Unione Europea, Stati Uniti, Argentina, Colombia, Australia, Russia e Messico .
  • per i suini Cina, Europa, USA, Brasile e Vietnam. 

Sui vitigni invece occorre spiegare qualcosa. Nel mondo esistono circa 6.154 cultivar di vitigni, in Italia quelli diffusi sono circa duecento, esattamente come in Francia, ma ce ne saranno presenti di più? Sicuramente, per sapere se arrivino davvero a 1800 necessitiamo di una ricerca più ampia, ma i vitigni che si usano per la produzione e la vendita di vino e di uva sono sempre tra <quei circa duecento> suddetti e inseriscono l'Italia al secondo posto mondiale. Certo che se l'Italia è uno dei paesi dove maggiormente si inventano, creano e sviluppano nuove produzioni e innesti tutti i giorni, lasciati poi crescere da soli, quindi il dato di 1800 specie spontanee, sicuramente sarà vicinissimo alla realtà, il problema non sono i vitigni, ma quelli che ci lavorano che stanno scomparendo, facilitando la riduzione anche delle nuove vigne. Eppure l'Italia occupa il primo posto nel mercato dei vini, il secondo come competitività e struttura agricola e caratteristiche climatiche.

Sulle mele dovremmo fare un distinguo, visto che nel mondo sono identificati circa 7500 tipi diversi di mele, ma la maggior parte di queste in Italia non sono classificate come tali, tanto è vero che se catalogassimo in Italia, questa frutta, come all'estero, ne avremmo oltre 2000 di specie, ma anche così, calcolando il numero di circa 1000, l'Italia è tra i primi tre posti come coltivo quantitativo e al primo come specie coltivate.

In generale occupa sempre un posto tra i primi cinque in produzione e esportazione del prodotto.

Centoquaranta tipi di grano? e negli negli Stati Uniti solo sei? VERO, perché noi cataloghiamo le specie con il sistema classico che favorisce la qualità e la trasparenza delle specie, mentre da qualche anno, per interessi di unificare il mondo sotto gli stessi tipi di prodotto, si classifica, secondo lo studio di Van Slageren in sei gruppi, quindi loro impongono 6 tipi di grano possibile, tutte le altre sono sottospecie così il mondo si affina e compra solo quello che producono in grandi quantità i paesi collegati al sistema.

Ma l'Italia è anche il maggior esportatore di design e produzione manifatturiera, specialmente in alta qualità, cuoio, tessile, vetro, automobili e moto etc. etc..

Cultura arte e archeologia

È vero che per l'UNESCO siamo il paese con più siti d'interesse mondiale, con 54 siti nella lista. Seguiti da Cina, Spagna Francia e Germania. Certo, i numeri dell'UNESCO vogliono dire poco, il nostro patrimonio è immenso, pensate che solo Roma nel parametro mondiale darebbe oltre 500 siti Unesco, nessuno ha la nostra ricchezza culturale, di cui la stragrande maggioranza non è esposta per colpa dello spazio e degli alti costi. Per numero di reperti culturali e archeologici, siamo i primi con oltre il 70%, per aree culturali, questo dato scende un poco in percentuale, bisogna ricordarsi che solo Roma ha dominato tutto il mondo conosciuto per oltre 600 anni, senza contare l'influenza culturale, politica, religiosa del nostro paese, diviso in vari stati e famiglie dominanti, quali: Medici di Firenze, gli Sforza a Milano, dagli Estensi di Ferrara a Verona, Venezia, altre Repubbliche marinare come, Pisa, Genova, Amalfi, Napoli e i Bordoni, Gli Altavilla e il Vaticano chiaro, per oltre mille anni.

Per questo motivo il turismo italiano si muove sempre tra il primo ed il terzo posto a livello mondiale, con crisi o senza crisi visitare l'Italia prima di morire è l'obbiettivo di quasi metà della popolazione mondiale.

Io sono dell'idea che il nostro sia il miglior paese per qualità di vita, arte, clima e alimentazione, davanti a tutti gli altri (ne ho visitati 161), paese, dalle tante caratteristiche uniche, ma, chiaro, altri paesi raccolgono attrattivi differenti, che devono e possono essere visti e vissuti, la natura nel Brasile, culture antiche come greca e egiziana, asiatiche Nepal, Cina e Giappone, tutta la storia e i palazzi in europa, Parigi e Londra, ma forse il dato migliore è su di noi italiani, all'estero ci amano molto per questo, per la nostra creatività, per la nostra storia e per essere così COME SIAMO, un po Sophia e un po Marcello.

A Associação Nacional Italo Brasileira Ordem e Progresso, in Brasile è nata per questo, niente esagerazioni, tipiche di noi italiani, ma neanche diminuire quello che eravamo, siamo e saremo, alla difesa della nostra Italia e contro chi tenta distruggerla per dar spazio alla sua tese e alla sua ignoranza, principalmente politica o religiosa.

L'Italia se desta.