Greta Thunberg: quem a fez famosa e porque

15/03/2019

Tutti i dubbi su Greta Thunberg: chi l'ha resa celebre e perché

Greta Thunberg è la vera "rockstar" del momento. Prime pagine di tutti i più importanti giornali del mondo, approfondimenti di ogni tipo, interviste: tutti ne parlano. La consacrazione definitiva è arrivata in queste ore, come riporta l'Ansa: l'attivista 16enne svedese promotrice delle marce dei giovani per il clima in tutta Europa è stata proposta per il premio Nobel per la pace da tre parlamentari norvegesi "in segno di riconoscimento per il suo impegno contro la crisi climatica e il riscaldamento globale".

"Abbiamo nominato Greta perché la minaccia del clima potrebbe essere una delle cause più importanti di guerre e conflitti", ha sottolineato il parlamentare Freddy Andre Oevstegaard. In un'intervista a Repubblica, Greta Thunberg ha osservato che "siamo nel pieno di una crisi. Ed è la più urgente e grave che il genere umano abbia mai dovuto affrontare. Stiamo segando il ramo su cui siamo seduti e la maggior parte della popolazione mondiale non ha idea delle possibili conseguenze della nostra incapacità di agire".

E con la stessa furbizia manipolano una ragazzina che non sa (e non può sapere) quello che dice.
Secondo me.
Greta Thunberg
Greta Thunberg

E oggi, venerdì 15 marzo, anche in Italia è il grande giorno del Climate Strike: studenti di tute le età si uniranno allo sciopero proclamato nel mondo dai giovanissimi attivisti che, sulla scia dell'iniziativa di Greta, stanno manifestando per chiedere ai governi interventi urgenti sui cambiamenti climatici. Ma chi è davvero la giovane attivista svedese e come ha fatto a diventare così famosa?

Chi c'è dietro Greta Thunberg

Sia chiaro: Greta è sicuramente una ragazza adorabile e la sua battaglia offre degli spunti di riflessione certamente importanti - al di là da come la si veda sul tema del riscaldamento globale. Il punto è un altro: si tratta davvero di un fenomeno così spontaneo e nato dal nulla oppure di un'abilissima strategia di marketing?

Come vi abbiamo raccontato su questo giornale, tutto è nato è la scorsa estate. Da agosto 2018, ogni venerdì mattina, Greta si reca di fronte al Riksdag, il parlamento svedese, e rimane lì, con un cartello in mano: Skolstrejk för klimatet, sciopero scolastico per il clima. All'inizio era da sola, supportata solo dai genitori, poi la sua protesta è diventata virale. Tanto che a dicembre ha partecipato alla Cop24, la ventiquattresima conferenza sul clima che si è tenuta a Katovice, in Polonia. Lì ha tenuto un discorso che ha fatto il giro del mondo. Come è accaduto?

A svelare il segreto del successo di Greta è stato Andreas Henriksson, noto giornalista d'inchiesta svedese. Secondo la sua ricostruzione, lo sciopero scolastico altro non era che parte di una strategia pubblicitaria più ampia per lanciare il nuovo libro della madre di Greta, la celebre cantante Malena Ernman - che nel 2009 partecipò anche all'Eurovision e vanta diverse apparizioni televisive. E il grande stratega mente di questa campagna sarebbe Ingmar Rentzhog, esperto di marketing e pubblicità, che ha sfruttato a sua volta l'immagine della ragazza per lanciare la sua start up.

E con la stessa furbizia manipolano una ragazzina che non sa (e non può sapere) quello che dice.
Secondo me.
Malena Ernman famosa cantante con la figlia Greta
Malena Ernman famosa cantante con la figlia Greta

La vera storia dell'attivista

"Ora posso dire che la persona che sta dietro al lancio del libro e lo sciopero scolastico, nonché la successiva campagna di pubbliche relazioni sul problema del clima, è il Pr professionista Ingmar Rentzhog" scrive il giornalista Andreas Henriksson sul suo profilo Facebook.

La storia di Greta Thunberg inizia il 20 agosto 2018. Rentzhog, che è fondatore della start-up We Do not Have Time, incontra Greta di fronte al Parlamento svedese e pubblica un post commovente sulla sua pagina Facebook e Instagram. Siamo al primo giorno dello sciopero iniziato da Greta. Curiosamente, quattro giorni più tardi, il 24 agosto, esce il libro dei genitori di Greta, Scenes from the Heart, che racconta i dettagli della vita privata della coppia e della figlia. Una banale coincidenza? Forse.

Da lì a poco We Do not Have Time guarda caso decolla, proprio grazie alla spinta mediatica di Greta. Il 24 novembre Rentzhog la nomina nel board. Solo tre giorni dopo, la start up lancia una campagna di crowdfunding per 30 milioni di corone svedesi (circa 2,8 milioni di euro). Greta è nominata ovunque. Lo stesso Ingmar Rentzhog si vanta di "aver scoperto" la ragazza ma nega, in seguito, di averne sfruttato l'immagine per raccogliere denaro, pur sostenendo di "aver avuto un ruolo centrale nella crescita della sua popolarità".

Il quotidiano svedese Svenska Dagbladet lo incalza e accusa la start up di aver sfruttato la ragazza affetta dalla sindrome di Asperger e la sua battaglia per il clima per mero tornaconto personale. Dal canto loro, i genitori sostengono che la battaglia di Greta è assolutamente genuina e sincera ma non smentiscono affatto i rapporti con Rentzhog e il suo entourage.

I dubbi del Weltwoche

"Una campagna pubblicitaria perfetta". Così la definisce il quotidiano conservatore Weltwoche, che indaga sulle origini del fenomeno Greta. Anche Weltwoche si concentra sulla figura controversa di Rentzhog: "Il pubblico mondiale celebra Greta come esperta di salvaguardia del clima" scrive il quotidiano della destra svedese. "La ricerca da parte dei media più critici ha dimostrato, tuttavia, che il suo successo è dovuto in gran parte all'esperto svedese Ingmar Rentzhog, che ha buoni contatti con diverse organizzazioni. Quattro giorni dopo che Greta aveva iniziato il suo sciopero sul clima, è stato presentato il libro della madre".

E con la stessa furbizia manipolano una ragazzina che non sa (e non può sapere) quello che dice.
Secondo me.
In soli tre giorni Rentzhog finanzia 3 milioni di euro a Greta.
In soli tre giorni Rentzhog finanzia 3 milioni di euro a Greta.

Lo stesso giorno, prosegue, "Rentzhog ha pubblicato una foto di Greta su Instagram e ha scritto un lungo articolo su Facebook. Ciò ha innescato una reazione a catena in molti giornali e altri media". Alla fine di dicembre, scrive il giornale, "la rivista Samhällsnytt ha rivelato che Greta aveva pronunciato il suo famoso discorso alla conferenza di Katowice davanti a sedie vuote, mentre la televisione di stato svedese si comportava come se avesse parlato davanti a un pubblico entusiasta".

"Reclutata da Bo Thorèn"

Sempre secondo Weltwoche, la madre di Greta, Malena Ernman, avrebbe confermato che l'attivista ambientalista Bo Thorén aveva reclutato sua figlia. Thorén è membro del consiglio di amministrazione di Fossilfritt Dalsland ed è un rinomato rappresentante del movimento ambientalista internazionale Extinction Rebellion.

E con la stessa furbizia manipolano una ragazzina che non sa (e non può sapere) quello che dice.
Secondo me.

Insomma, dietro a Greta Thunberg c'è un libro di una famosa cantante (la madre), una start up in cerca di visibilità, un abile comunicatore ed esperto di pubblicità, diverse organizzazioni che bramano di diffondere il loro messaggio. Poi viene l'ambiente, il Climate Strike e le mobilitazioni globali. Nulla, però, accade per caso. E se non vi è dubbio di dubitare che ciò che racconta Greta al mondo sia sincero, chi le sta attorno ha abilmente beneficiato di un ritorno mediatico che era voluto e studiato a tavolino. 

Fonte Ilgiornale.it

Una cosa è certa, che si voglia o no usare gli argomenti di Greta la presunzione di manifestanti è che se uno non crede che sia la CO2 uno strumento per regolare il clima, sarebbe un'insensibile all'ambiente. Ma se andate per i boschi, che forse nemmeno conoscete, io ci ho vissuto fin da piccolo e amo la natura e l'ambiente. Ma per vostra sfortuna ho anche studiato, e mi sono reso conto che questa cosa del riscaldamento globale (che a rigor di logica non ha diritto nemmeno di essere chiamata "teoria" visto che non è falsificabile) - se conosci e capisci il termine - non sta in piedi. Ed ecco la furbata, imporla pompando una ragazzina, che, per età, non può certo sapere di cosa parla. Intendo, non conosce la fisica dell'atmosfera, la statistica, la meteorologia, la fisica, la chimica ecc. e quindi non è in grado di sentenziare arrogantemente su cose che non capisce. Nega chi conosce la verità, chi si attribuisce la verità in un campo così complesso come il clima, e di cui magari sa poco o nulla, è un fascista. 

La scienza, è vero, non è democratica, con buona pace di chi si fonda sul consenso, ma solo dove è in maggioranza, perché se perde le elezioni se ne frega del consenso alle idee altrui. 

La scienza si basa su fatti, su verifiche di teorie, su esperimenti. Non basta dire "è così", bisogna dimostrarlo, e cioè proporre un esperimento che dimostri fuor di ogni dubbio che le cose sono come teoria prevede. Ma se fa caldo è colpa dell'AGW (riscaldamento globale di origine antropica), se fa freddo idem, ed è sempre colpa sua se piove troppo o troppo poco. Insomma non c'è un evento che discrimini la teoria; se tutto la conferma, vuol dire che nulla la conferma. Anzi, una prova c'era, l'hotspot, ma dato che contrariamente a quanto prevedeva la teoria non fu trovato, semplicemente l'hanno tolto dalla teoria e non ne parlano più. 

Furbi. 

E con la stessa furbizia manipolano una ragazzina che non sa (e non può sapere) quello che dice.
Secondo me.

Fonte Ganavion

Lo scrivo e lo ripeterò sempre, i giovani di oggi (compresi molti quarantenni e cinquantenni) credono all'uomo ragno e nella Marvel, sono facilmente strumentalizzati. I nostri vecchi credevano nell'esperienza di vita, magari siamo più moderni nella tecnologia, ma mentalmente stiamo perdendo di vista l'analisi delle cose, specialmente quelle veramente belle, i sapori, il profumo della vita, perché ci sommergono tutti i giorni di cazzate, falsi profeti, fake fake fake, insomma ripeto ormai facilmente strumentalizzabili, ci usano come vacche da latte e da macello.

Djávlon